Ghostbusters

« Who ya gonna call? Ghostbusters! »

Ghostbusters, pellicola scritta e interpretata da Dan Aykroyd e Harold Ramis, e diretta da Ivan Reitman si rivelò il più grande successo del 1984 a livello planetario, aggiudicandosi per anni il primato di commedia col maggiore incasso di tutti i tempi. Questo portò ovviamente alla produzione di un sequel che sfortunatamente  non ebbe lo stesso successo del predecessore. In questa recensione ci concentreremo soltanto sul primo dei due film
Nonostante tutto le vicende dei quattro strambi Acchiappafantasmi di New York sono ormai conosciute in tutto il mondo e il primo film è ormai considerato un vero e proprio cult.
205167Il film narra delle vicende di Peter Venkman (Bill Murray), Egon Spengler (Harold Ramis) e Raymond Stantz (Dan Aykroyd) tre scienziati esperti di fenomeni paranormali che venendo espulsi dall’Università non hanno altra scelta che mettersi in proprio e fondare un’impresa specializzata come “acchiappafantasmi” La prima cliente è Dana Barrett (Sigourney Weaver) che nel proprio appartamento di West Central Park è stata oggetto di visite terrificanti di cui non sa darsi una spiegazione. Per la squadra, a cui poi si aggiungerà  Winston Zeddemore (Ernie Hudson), è l’inizio di un’avventura che porterà i Ghostbusters a cercare di sconfiggere una grandissima minaccia che proviene dall’antichità per poter salvare la città.
kicked-its-assGhostbusters, nonostante  abbia una trama abbastanza semplice e siano presenti alcune pecche, intrattiene benissimo,  riescono a trovare il modo di fondere insieme generi diversi, si passa dall’horror alla commedia passando alla fantascienza e all’ azione senza mai risultare banale o noioso. Accompagnato poi da una meravigliosa colonna sonora cantata da Ray Parker Jr.  che ha sicuramente contribuito al successo del film.
Durante la produzione del film i problemi affrontati sono stati molti, ad esempio sappiamo che ci sono state continue modifiche alla sceneggiatura, che il copione è stato più volte rimaneggiato da Aykroyd e Ramis, per adattarlo ad interpreti diversi da quelli previsti inizialmente. Inoltre per cercare di ridurre i costi si scelsero location a buon mercato, e si vocifera che intere sequenze siano state girate senza chiedere le necessarie autorizzazioni e che gran parte delle scenografie siano in realtà modellini creati da abili artigiani, resi credibili attraverso l’utilizzo di effetti ottici. Malgrado tutto però sono riusciti a creare quello che molti considerano un capolavoro.

tumblr_npsqj9POop1s5uyh5o1_500Il film nonostante gli effetti speciali, che risultano ormai enormemente superati, risulta ancora oggi godibilissimo poiché gode di una buona sceneggiatura, I personaggi funzionano benissimo,  le interpretazioni sono ottime e i dialoghi ben curati, pieni di battute esilaranti, che non risultano mai fuori luogo per via di tempi comici perfetti. Non abbiamo ancora visto il reboot da poco arrivato nei cinema, ma siamo comunque certi che sia impossibile riuscire ad eguagliare l’originale

Noi di Zeropuntodue vi consigliamo caldamente di guardare questo film, che di sicuro non vi annoierà ma sarà in grado d’intrattenervi fino alla fine.
P.S. Venimmo, vedemmo e… recensimmo!

Guarda il trailer di Ghostbusters

 

Ghostbusters
  • 8/10
    Voto - 8,5/10
Precedente Deadpool 2: Simon Kinberg parla del sequel Successivo Wild Cards: In arrivo una nuova serie tv basata sui romanzi di George RR Martin