Independence Day

Independence Day è un film di fantascienza del 1996, diretto da Roland Emmerich. Il film narra di una immaginaria e quasi riuscita invasione aliena della Terra, con la distruzione di parecchi monumenti simbolo degli Stati Uniti d’America, come l’Empire State Building, la Casa Bianca e la Library Tower di Los Angeles.

Il 2 luglio 1996 il SETI capta un segnale di probabile origine aliena: la conferma avviene poco dopo, quando, improvvisamente, il cielo su Washington è oscurato da una gigantesca astronave extraterrestre. Dalla gigantesca astronave escono diverse dozzine di navicelle più piccole che si dirigono verso le metropoli più abitate del pianeta. Il presidente degli Stati Uniti ed ex pilota di caccia Thomas J. Whitmore (Bill Pullman), allertato dai suoi collaboratori, è ancora indeciso sul da farsi quando lo specialista di telecomunicazioni David Levinson (Jeff Goldblum) grazie all’aiuto della ex-moglie riesce ad avvertirlo dell’imminente pericolo: le navicelle infatti sono pronte a sferrare il loro devastante attacco. E dopo la prima ondata di fuoco, nella quale perdono la vita milioni di persone, l’unica speranza per l’umanità rimarrà nelle mani degli stessi Whitmore e Levinson, oltre che del giovane capitano dell’aeronautica Steve Hiller (Will Smith).

“Independence Day” costituisce un classico esempio di come un film mediocre possa riuscire a conquistare il pubblico. La trama non è di certo il punto forte di questo film, si alternano situazioni improbabili e sviluppi che sfiorano in più occasioni il ridicolo e l’assurdo.   La sceneggiatura è ingenua e piena di clichè, racconta l’ennesima prova di forza e coraggio degli Stati Uniti, dipinti come i soliti salvatori del mondo intero. Tutti i personaggi, ma in particolare Levinson, Whitmore e Hiller, sono enormemente stereotipati, degli eroi che entrano ed escono di scena come pedine di una battaglia,  mosse principalmente dal fervore patriottico. Ma allora perché questo film ha riscosso un enorme successo all’epoca ed è tutt’oggi ancora molto apprezzato ?
landscape-movies-will-smith-career-pictures-3A differenza di altre produzioni simili, questo film non si prende minimamente sul serio, ed è proprio qui che risiede il segreto del suo successo. Tutto è talmente esagerato e sopra le righe, genuinamente privo di ambizioni interiori e profonde. Independence Day  è  semplicemente divertimento senza pensieri ed è proprio per questo che riesce ad intrattenere, con le sue numerosissime sequenze d’azione, tra esplosioni a più non posso e spericolate acrobazie aeree ai limiti dell’impossibile. Un aspetto fondamentale della pellicola è l’umorismo, che possiamo considerare il vero protagonista del film. Il troppo humour però rovina il risultato finale appesantendo alcune scene. La conseguenza è che si perde la credibilità della storia e la suspance viene meno. Il tutto poi sfocia in un finale poco ingegnoso e troppo “supereroistico”. Ma come abbiamo detto Independence Day è per coloro che non cercano un film di qualità che stimoli un minimo di riflessione, ma soltanto un blockbuster pieno d’azione e di frastornanti effetti speciali.

Gli alieni sono sicuramente uno dei punti forti del film, veramente ben fatti sotto tutti gli aspetti e a tratti quasi inquietanti. Anche lo scontro finale merita una menzione, coinvolgente ed avvincente. Un altro aspetto interessante sono le interpretazioni di Jeff Goldblum, Bill Pullman ed un giovanissimo Will Smith (al suo primo ruolo importante sul grande schermo) che riescono a dare la giusta dose di carisma ai loro personaggi.

Independence Day è un Film fatto senza troppe pretese che nonostante i tanti difetti può sicuramente piacere, ma si rimarrà delusi se ci si aspetta qualcosa di drammatico e di profondo. Una pellicola che può piacervi soltanto se riuscirete a spegnere la mente per qualche ora. Ottimo se cercate un film divertente e poco impegnativo.

Guarda il trailer di Independence Day

 

Independence Day
  • 6/10
    Voto - 6,5/10
Precedente The Danish Girl Successivo Toy Story