Nightmare Before Christmas

Non sforzarti di capirlo, devi solo immaginarlo!

Nightmare Before Christmas (The Nightmare Before Christmas) è un film d’animazione del 1993 diretto da Henry Selick, ideato e prodotto da Tim Burton. Il film è realizzato in stop-motion, cioè usando dei pupazzi mossi a mano dagli animatori di fotogramma in fotogramma.
24950La vita, sia per Jack Skeletron  sia per gli abitanti della tetra e divertente città di Halloween, è sempre e solo orientata all’attesa e alla preparazione della nuova Festa di Halloween, in cui le coreografie, le canzoni e i balletti di Jack allietano, o meglio, spaventano i deformi cittadini. Le ovazioni e i complimenti ricevuti ad ogni manifestazione, sembrano non soddisfare più Jack. Dentro di lui alberga il lancinante vuoto della ripetitività, della solita routine che, ormai, non rappresenta più uno stimolo o una sfida, quanto, piuttosto, una sorgente di malessere. E a nulla servono, almeno inizialmente, i segnali d’attenzione lanciatigli dalla dolce bambola di pezza Sally, creata dall’intelligentissimo scienziato di Halloweentown, il Dr. Finklestein. Mentre canta le dolenti note del proprio disagio al chiaro di una pallida luna, camminando fra le lapidi di un cimitero in compagnia del suo fedele cagnolino fantasma Zero, il suo romantico tedio lo condurrà in uno strano spiazzo delimitato da degli alberi. Sul tronco di ognuno di essi c’è una porta decorata in maniera differente. La curiosità di Jack, inevitabilmente attratto da una cosa per lui decisamente insolita, lo spinge a varcare la soglia, finendo risucchiato nella Città del Natale, un luogo dove tutti sono felici, si scambiano i doni portati da Sandy Claws (storpiatura inglese di Santa Claus resa alquanto efficacemente in italiano con Babbo Nachele) e non esistono mostri aberranti che vivono nei sottoscala o sotto i letti dei bambini. Tornato, infine, ad Halloweentown orchestrerà, in preda alla mania e all’ossessione per il Natale, un piano dalle conseguenze che si riveleranno catastrofiche: rapire Babbo Nachele e sostituirsi a lui, mobilitando tutta la città di Halloween per festeggiare questa nuova ricorrenza.494784Tim Burton ci catapulta in un universo tetro, oscuro ma di cui solo la nostra immaginazione può dettare i confini. L’ideatore lascia trapelare quella sua vena di follia da ogni momento del lungometraggio attraverso personaggi strampalati ma capaci di comunicare un messaggio forte allo spettatore. Il protagonista Jack entra in conflitto con se stesso, come in una sorta di dissidio interiore. Una crisi d’identità che lo convince a diventare una sorta di Babbo Natale dopo essere stato ammaliato dalla vastità di colori della città natalizia. Prova a fuoriuscire da quegli schemi all’ interno dei quali viene attanagliato dalla società in cui vive. Questa psicologia un po’ matta dei personaggi viene assecondata in maniera egregia dalla regia e dal comparto fotografico, capaci di alternare le scene tenebrose a quelle piene di colori con grande maestria. Essendo un film-musical fondamentali sono i momenti cantati, momenti in cui i personaggi fanno fuoriuscire tutti i sentimenti che normalmente terrebbero dentro. Si rivela dunque una parte fondamentale il doppiaggio italiano e l’adattamento della colonna sonora e su questo c’è veramente ben poco da lamentarsi, il maestro Renato Zero ha compiuto davvero un lavoro egregio come doppiatore di Jack Skeletron.

Nightmare Before Christmas presenta i caratteri tipici dello stile di Burton, tanto che per  le atmosfere cupe e i mostruosi personaggi inizialmente  era stato scartato dalla Disney in quanto ritenuto non adatto a dei bambini. La storia appare ricca di spunti che sono ricorrenti nelle opere burtoniane, così viene affrontato il tema riguardante il difficile rapporto fra diversità e normalità, troviamo la malinconia che nasce dal fatto di non essere accettati dagli altri e il conseguente isolamento dell’individuo, si sottolinea la voglia di fuggire dalla propria realtà per vivere in un mondo onirico, e si cerca di mettere in guardia noi spettatori dalle disavventure in cui incappiamo quando abbandoniamo i nostri panni per calarci in un ruolo che non ci appartiene. Dobbiamo sempre essere noi stessi, questo è ciò che il film vuole farci capire.
541092

La pellicola, come abbiamo detto precedentemente è realizzata in stop-motion. Per chi non lo sapesse, la stop-motion è una tecnica che richiede molta cura e dedizione in quanto le animazioni vengono fatte attraverso delle foto che ritraggono dei “modellini”, se così possiamo chiamarli, dei personaggi. Si fotografa ogni singolo frame apportando le varie modifiche all’azione. Visto che occorrono 24 fotogrammi per creare un secondo di animazione è spiegabile perché  i 14 animatori della troupe, impiegati in un massimo di 20 scene simultaneamente, producevano solo 17 secondi circa a testa di animazione complessiva alla settimana. Capite bene, quindi, quanto lavoro e fatica ci siano dietro questa pellicola. Ovviamente uno degli eventuali rischi e quello di rendere il film lento e macchinoso, cosa che non accade assolutamente in questo caso rendendo la stop-motion un vero punto di forza, ottenendo un risultato finale stupefacente. È pur vero che alcuni elementi, come ad esempio le fiamme, sono stati aggiunti nella fase post produzione, ma ciò non toglie assolutamente un briciolo di fascino al film che riesce a stupire anche per la caratterizzazione dei personaggi, nonostante questi siano creati utilizzando plastilina. Jack e Sally in quanto personaggi principali, hanno goduto di particolari attenzioni, basta pensare alle oltre 110 teste create per le espressioni facciali di Sally e alle oltre 400 di quelle di Jack.

A distanza di ben ventitré anni, con la tecnologia che in campo cinematografico, ha fatto passi da gigante, questo film di animazione girato in stop-motion resta sempre lì, riesce ancora a trasmettere grandi  emozioni. Quest’opera a tratti malinconica e a tratti gioiosa, con tocchi di humour e cupo romanticismo e con quelle due feste, così diverse, che finiscono col mischiarsi in modo geniale è un vero e proprio capolavoro che dovete assolutamente guardare.

 

Guarda il trailer di Nightmare Before Christmas

 

Nightmare Before Christmas
  • 9/10
    Voto - 9/10

 

Precedente Gli Incredibili 2 e Toy Story 4: annunciate le nuove date d’uscita Successivo Shining